Modena, fiori per abbattere i muri

Per dare inizio alla campagna, domenica 22 maggio in Piazza Grande a Modena, almeno duecento persone si sono trovate per firmare l’appello “Un fiore come un uomo, un gesto per un migrante” e per porre un fiore sulla “preda ringadora”,  una pietra utilizzata nel medioevo come palco per i banditori.

Oltre ai rappresentanti delle associazioni promotrici, sono intervenuti anche Mons. Erio Castellucci, Arcivescovo Abate di Modena e Nonantola, e la parlamentare europea Cécile Kyenge.

Commovente la testimonianza di Roberto Valenti ed Elisa Fangareggi, di Time4Life, tornati da pochi giorni da Idomeni dove hanno portato generi alimentari di prima necessità.

Leggi l’articolo sulla Gazzetta di Modena

Video dell’evento

 

Foto di Dante Farricella di A different eye